Intervista a Rame

 •  0

By

In occasione della data d’apertura al Circolo Andrea Doria, abbiamo intervistato Rame, volto storico della night life italica meglio noto a chi come molti i noi ha già svariate primavere danzanti alle spalle, come parte dei Pastaboys, oggi artista solista.

Ciao Davide e benvenuto su Different Grooves!
Ciao a tutti! Grazie per avermi contattato!

Partiamo dalla storia Pastaboys. Sono trascorsi da poco 20 anni di vita per questo progetto e sembra essere difficile in poche righe dire cosa ti abbia lasciato e cosa abbia voluto dire per te questa parte della tua vita, ma ti chiediamo di provare almeno a dirci il tuo pensiero.
Di solito mi piace parlare dei Pastaboys con tutti gli altri membri del gruppo. Siamo sempre stati molto uniti e lo siamo anche in periodi come questo, in cui decidiamo di spegnere “il giocattolo” per riflettere un po’ e occuparci di altro. Come hai detto tu abbiamo passato 20 anni insieme e sono successe tante cose con tutti i pro e i contro, probabilmente un’intervista a parte!

Come sta procedendo la tua carriera da solista? Quali gli ultimi buoni gig da segnalare?
E’ stato un anno molto intenso. Ho partecipato a tante iniziative di livello: dall’ Elita Design Week, al Music Inside di Rimini ad esempio. Al momento la data di apertura del Rebel-Rebel e del Circolo Andrea Doria e’ da segnalare!

 Restando sempre sul tema clubbing, ritieni che la scena italiana sia in ripresa? Che direzione è stata intrapresa e ritieni sia quella buona? Il Rame pensiero sullo stivale che balla…
Abbiamo tanto da dare: idee, risorse e talento e sono individuabili in numerosi parti d’Italia. Possiamo migliorare nella comunicazione e fare un sistema perché e davvero fondamentale.
Il mio attaccamento alla nostra club culture è totale. Cerco di esserne partecipe con ogni mezzo necessario, non solo facendo musica. Comunque stanno nascendo anche tante iniziative per migliorare la situazione; una tra queste è Linecheck: un’iniziativa a cui ho partecipato e ho assistito anche da spettatore dove attraverso il dibattito e il confronto, si intrattengono delle conversazioni davvero interessanti e non solo sulla club culture!
Credo che Linecheck possa essere un punto di riferimento, ma bisogna crearne assolutamente altri.

Sarai ospite per i 7 anni di Rebel Rebel, ormai serata di riferimento della scena romana, che avrà luogo in una location da urlo dell’urbe: cosa ti aspetti da questo evento?
Il Circolo Andrea Doria è un club unico, forse perché non è considerabile come tale.
E’ una location incredibile, c’è sempre molta attesa e io come tutti mi aspetto di gioire per il treno finale .

Parentesi su Signal Hills, il programma radiofonico che curi. Raccontaci un po’ di questa esperienza e come pensi che la radio possa continuare ad essere un valore aggiunto per la scena elettronica?
E’ strettamente legata con l’idea di rinnovare la comunicazione in Italia..  il programma nasce col desiderio di raccontare la scena attraverso  volti nuovi  e volti  più conosciuti attraverso podcast e interviste e coinvolgendo i clubs e i festival  che li ospitano..

Rame nei prossimi 6 mesi: quali progetti discografici, quali gig?
Sto cercando nuove collaborazioni, perché ho diversi progetti discografici in via di sviluppo. Dovrebbe uscire a breve una release su R3, l’etichetta di Rolando insieme a Francesco Bonora, Terrence Parker e lo stesso Rolando, insieme ad altri remixers  importanti. La mia estate parteufficialmente da Roma e seguire sarò presente ad alcuni  festival e in giro per clubs . Ma una cosa per volta …ora sto pensando solo al Rebel

Domanda di chiusura, come si sta sviluppando il progetto parallelo Enroll?
Sono molto soddisfatto del lavoro svolto finora  e del percorso intrapreso con questo monicker. Ho molte certezze ma mi mancano le conforme  su alcuni aspetti. Spero arrivino presto!

 

 

 

Leave a comment