By

Atomic Event, MDC Events, Musicus Concentus, Reflex Culture e Tinì

presentano

NEXTECH LEGEND

Mercoledì 7 dicembre 2016

CHRIS LIEBING

Opening: Wooden Crate

Fortezza Da Basso – Firenze

Inizio ore 21 – biglietti 32 € + ddp
Ingresso vietato ai minori di 18 anni

Nextech torna e diventa “Legend”. Un’edizione, quella di mercoledì 7 dicembre alla Fortezza Da Basso di Firenze, dedicata agli artisti che hanno fatto la storia della musica techno, e tra questi figura certamente anche Chris Liebing (apertura porte ore 21, ticket 32 € + dp – prevendite boxoffice, ingresso vietato ai minori di 18 anni).
Un appuntamento ormai prossimo al soldout (pochissime ormai le prevendite rimaste), che riporta in città uno dei maggiori punti di riferimento della musica elettronica dell’ultimo decennio.
Dj, produttore, conduttore di un radio show (ha avuto ospite in una puntata perfino Martin L. Gore dei Depeche Mode, di cui è grande fan) e forza propulsiva dietro ad etichette come la CLR e la Spinclub Recordings,
 Chris Liebing si è distinto negli anni per carisma, professionalità e tecnica innovativa. Ha saputo creare un linguaggio personale, in grado di rendere di massa le sonorità più crude e metalliche della fredda Germania.
Fra i primi ad usufruire delle nuove possibilità offerte dal digitale in maniera davvero creativa, Liebing si è costantemente evoluto durante la sua carriera. Grazie ad un set up e una tecnica che vanno ben oltre la semplice figura del dj, il suo nome spicca nei festival e nei club più importanti al mondo.

A Firenze con un dj set di ben 4 ore, Chris Liebing è il nome ideale per inaugurare la serie Nextech Legend dedicata alle sonorità della techno old school.
In apertura i fiorentini Wooden Create. Il duo, formato da Davide Rosafio e Giuseppe Gonzalez, nasce sei anni fa nella scena underground cittadina. Il forte interesse per il mondo del clubbing e l’intensa passione per la musica che li accomuna, li porta presto a suonare nei locali più importanti di Firenze. Il loro stile è vario ma definito, spazia dal dub più scuro alla techno detroitiana più profonda e sinuosa.

 

Leave a comment