The Clover ‘Processes’

 •  0

By

Artists: The Clover
Title: Processes
Label: Bosconi Records
Format: CD, Digital
Cat. #: BOSCOCD002
Release Date CD: December 15th 2013
Release Date Part 1: December 21st 2013
Release Date Part 2: January 10th, 2014
Distribution: Was Distribution (Beatport 2 week exclusive), Syncrophone (Physical)
CD Tracklist:
01. Black Hole
02. The Gash
03. Jungle Man
04. Break 4 Luck feat. San Proper
05. Phoenix
06. Celestial Fog
07. Glimmer Of Light
08. Dorf
09. Rolling Down The Hill
10. Orange Dreams

Digital Exclusive:
11. The Cage
12. A Slide On Your Skin
13. Kites

Uscirà lunedì 16 dicembre “Processes”: l’ultimo lavoro di Antonio Pecori, Stefano Meucci e Andrea Giachetti, in arte The Clover.
Dopo quasi due anni di lavoro nei loro studi di Firenze e Berlino esce sull’etichetta fiorentina Bosconi il primo Cd, simbolo del processo di evoluzione dello stile del gruppo attivo sulla scena elettronica internazionale dal 2006.
Un viaggio tra suoni psichedelici, minimalisti ed ultra espressivi, “Processes” è il risultato dell’unione di strumenti elettronici ed acustici: sintetizzatori, basso elettrico, chitarra, pianoforte e voce mescolati con il classico sound raffinato e ricercato che ha sempre caratterizzato il trio.
Settantacinque minuti di musica da ascoltare tutta di un fiato: il brano di apertura Black Hole ci trasporta in una dimensione eccentrica, claustrofobica e psicotica, una sessione morbosa in cui le linee di synth tese si incontrano su un groove storto e swingy. Con The Gash entriamo in un animo più rock, più acido e amaro, dove le dinamiche si alternano come stati d’animo antitetici, mentre il riff ipnotico di Jungle Man ci accompagna in misteriosi territori afro tribali. La quarta traccia, Break 4 Luck, che consolida la collaborazione con il noto Dj e produttore olandese San Proper, ci inghiottisce all’interno di in una stanza buia e spaventosa dove suoni primitivi e viscerali entrano in contatto col nostro io più nascosto e profondo. Celestial Fog, invece, ci rimanda ad un approccio più minimal-funk, un sound che è sempre appartenuto alla band, ma con atmosfere più eteree e decise, così come la progressione positiva di Phoenix, che ci riporta in un contesto decisamente più dancefloor. Arriviamo poi a Glimmer Of Light che, attraverso pianoforte e chitarra distorta, ci offre paesaggi sognanti e bucolici,  tramite un approccio che si avvicina al genere kraut-rock.
Infine l’acido panorama sonoro di Dorf approda negli sperimentalismi contorti ed esplode nei momenti epici di delirio in Rolling Down The Hill. Il finale dell’album spetta al blues drama di Orange Dreams, frutto di una dimensione di vera house new-school “fusion”.
Il debutto dell’album, del quale è prevista una versione digitale in due parti contenente tre tracce inedite, sarà venerdì 24 gennaio per la serata organizzata da Lattex Plus (www.lattexplus.com) al Tabasco Club di Firenze (piazza S.Cecilia 3r), dove il gruppo fiorentino si esibirà in un live esclusivo.

English:

The Clover trio, Pecori Meucci and Giachetti, drop their first album ever „Processes“ on their mother-label Bosconi Records, delivering these 13 dangerous and anti-superstitious tracks dense of arty, minimalist psychedelia and ultra expressive band style approach.
The opening track Black Hole send us into a quirky and psychotic dimension, a morbid funk session where outstretched synth lines are jamming over a crooked and swingy groove. The Gash gets into a more acid and sour rockin‘ mood, while the catchy riff of Jungle Man takes us into some mysterious afro tribal territories. The beautiful Celestial Fog has the swing of a garage or french styled house track, something closer to Clover‘s original funky vibe but a little bit more ethereal and twisted. More drama comes from the voice of Andrea that features the claustrophobic and desperate atmosphere of The Cage, but the positive progression of Phoenix bring us back to some more dancefloor action. Warped synth lines, squelchy and bloopy sounds over a detroit styled groove in Kites, back to psycho funky grooves and sci-fi voices with a A Slide On Your Skin until we get to the collaboration with the Dutch Don San Proper for the creation of the gloomy and cinematic tech drone of Break 4 Luck. Piano and guitar drive jazzy and krautish into the peaceful and bucolic landscapes of a Glimmer of Light, ketaminish boogie funk in Dorf, slightly spastic groove experimentalisms and epic dancefloor moments in Rollin Down the Hill, while the blues and the soul of Orange Dreams close in a nu school house „fusion“ oriented way this complex,adventurous and intriguing album.

 

Leave a comment